KAYAK COOKING - da necessità a virtù

L'occorrente per il Kayak trekking

Re: KAYAK COOKING - da necessità a virtù

da boxer » 03/12/2013, 12:26

ciglio ha scritto:
vins630 ha scritto:ottimi!! Da provare ;-iii
Per Ciglio se vuoi un consiglio cerca di evitare la diavolina :dd
Meglio carta, paglia, legnetti o al limite, con moltissima precauzione alcool.
Se cucini carne , arrrosticini, pesce ecc. vedrai che ha un altro sapore........
Non stoppare la dieta :bi

Hai ragione Vins,..la diavolina( :dd ) la porto solo per emergenza in caso le esche (x il fuoco) falliscano e la legna sia troppo umida....

Fausto l'aspetto fondamentale di una scelta dell'uso di legno e prodotti reperiti sul luogo è che in spiaggia mi risulta VIETATO accendere il fuoco .......
certamente è vietatissimo in quelle spiagge considerate protette come quelle di un parco......
La preoccupazione per un incendio di banali cespugli ( flora mariitima) a ridosso della spiaggia ,( cespugli che creano dune e che a sua volta le dune creano barriera al vento ed al mare di avanzare) , essendo cespugli specialissimi che crescono lentissimamente in decine e decine di anni a causa del terreno aridissimo.........
fa si che se ti beccano la multa non equivale ad un divieto di sosta auto ....ma sono multe monstre salatissime e mi pare che ci sia anche la denuncia PENALE !!
per esempio a Sabaudia ( Circeo) è così !!!

Ps) Petrolio : non viene preso in considerazione nell'OUTDOOR a causa dell'alta capacità di infiammaggio del liquido ( e poi penso che l'odore faccia a pugni :B con il cibo)
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Avatar utente
MKF Pro
MKF Pro
 
Messaggi: 2067
Iscritto il: 17/09/2012, 13:35
Località: Roma
Kayak: hobie tandem island
Strumentazione: ECO Lowrance Elite 5x
Record: n.a.

Re: KAYAK COOKING - da necessità a virtù

da ciglio » 03/12/2013, 12:33

Effettivamente hai ragione,....infatti accendo fuochi solo dove e' permesso farlo,....idem per il petrolio bianco che io a volte ho usato perche' in casa non avevo altro e solo per farmi il caffe' .......le mie riflessioni sono viziate dal tipo di pesca che pratico in inverno da febbraio a aprile circa,...torrenti montani a trote posti nei quali e' tollerata l'accenzione di un fuoco purche' vi sia un recipiente con l'acqua vicino e dopo che hai fatto lo ricopri con terra o sabbia......
in mare il discorzo cambia e quindi le tue soluzioni sono le migliori :bi :bi
Avatar utente
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 6352
Iscritto il: 16/02/2013, 21:44
Località: pistoia
Kayak: Kaskazi skua ar e Ciglyak autocostruito da completare
Strumentazione: Cigliorade
Record: TRIGLIETTINE CON SABIKI -SPIGOLE CON ARTIFICIALE-SGOMBRI-tracine..LUCCIO DIVINO AL LAGO BILANCINO
SUB DI CIRCA 80 KG A QUERCIANELLA

Re: KAYAK COOKING - da necessità a virtù

da gardesano59 » 03/12/2013, 13:32

Ma ... i semplicissimi fornellini con la cartuccia di gas proprio no ? :oioi :oioi

mi sembrano la soluzione di gran lunga migliore e più comoda (forse mi sta sfuggendo qualcosa :oioi )
Avatar utente
MKF Pro
MKF Pro
 
Messaggi: 2636
Iscritto il: 08/08/2012, 22:35
Località: Milano
Kayak: scupper pro angler
Strumentazione: n.a.
Record: n.a.

Re: KAYAK COOKING - da necessità a virtù

da boxer » 03/12/2013, 15:38

gardesano59 ha scritto:Ma ... i semplicissimi fornellini con la cartuccia di gas proprio no ? :oioi :oioi

mi sembrano la soluzione di gran lunga migliore e più comoda (forse mi sta sfuggendo qualcosa :oioi )



penso che non ti stia sfuggendo nulla


boxer ha scritto:
il fornelletto ad Alcool è la soluzione in pratica adottato anche e sopratutto da tutti gli eserciti del mondo per la sua semplicità e minimalismo

fornelletto ad Alcool svantaggi: minor calore

....................... VANTAGGI : meno peso da portare dietro per chi usa lo zaino ed i piedi per spostarsi
.......................................: divieto di portare bombolette di gas in aereo
...................................... : reperibilità dell' alcool in qualsiasi parte del mondo più sperduto
.......................................: difficoltà a reperire Butano/Propano nel mondo ( gas)
.......................................: in un uso per una settimana a pranzo,cena e colazione, il consumo di gas è elevato ed il peso delle bombolette di gas di scorta sarebbe --------------------------------------- eccessivo al contrario di flaconcini di alcool gel/liquido
.......................................: difficoltà anche in italia a reperire la specifica cartuccia del gas adatta al fornelletto specifico
.......................................: il fornelletto ad alcool funziona anche a basse temperatura ( sotto zero o nelle sue vicinanze)
.......................................: il fornelletto ad alcool anche se va fuori uso( difficilmente visto la sua semplicità) può essere riparato o crearne uno di fortuna ..........l'importante è avere l'alcool a disposizione



ma visto i nostri climi temperati e la brevità dell'escursione, la bomboletta a gas va più che bene anzi a questo punto è raccomandata


a parte la voglia di avere il gusto del FAI da TE e dell'economicità ecologica e della cultura del riciclo materiali
Avatar utente
MKF Pro
MKF Pro
 
Messaggi: 2067
Iscritto il: 17/09/2012, 13:35
Località: Roma
Kayak: hobie tandem island
Strumentazione: ECO Lowrance Elite 5x
Record: n.a.

Re: KAYAK COOKING - da necessità a virtù

da boxer » 03/12/2013, 16:06

QUALE ALCOOL ??

Direi che più economico dell'alcool denaturato (quello rosa del supermercato) che costa +/- 1 euro al litro non credo che ci sia nulla.

Direi normalissimo alcool etilico a 90%! (attenzione quando lo si acquista ad esser sicuri che sia a 90°: molto spesso nei supermercati c'è anche quello a 70°, col "70°" scritto in minuscolo...) può essere anche 95% o 100% ma a questo punto dicono che tende a un po' ad annerire il fondo del tegame

I fornelli ad alcool non vanno assolutamente utilizzati con altri combustibili: c'è il rischio di fondere tutto o, peggio, di esplosioni (non sognatevi di usare ad esempio benzina!)

L'unica alternativa, in Italia, all'alcool denaturato da 90° è quello "alimentare" da 90°- 95°, che ha lo svantaggio di costare 10 volte tanto( per via della tassa statale sull'alcool ), ma il vantaggio di essere tollerato anche da quelle persone a cui l'odore dell'alcool denaturato risulta insopportabile.

tempi di bollitura/cottura.....una volta l'acqua arrivata alla bollitura , ridurrere la fiamma con il RIDUTTORE di FIAMMA , consumerà di meno ottenendo lo stesso risultato .

per fare 160 gr di pasta in un "litro di acqua" ci vogliono circa 40-50 ml di alcool se quando l'acqua bolle usi pasta che si cuoce velocemente e si usa il riduttore di fiamma
( notizia estratta da forum specifici)

Regolatevi
Avatar utente
MKF Pro
MKF Pro
 
Messaggi: 2067
Iscritto il: 17/09/2012, 13:35
Località: Roma
Kayak: hobie tandem island
Strumentazione: ECO Lowrance Elite 5x
Record: n.a.

Re: KAYAK COOKING - da necessità a virtù

da Ade72 » 03/12/2013, 16:27

Suggerisco di usare i fornelli ad alcool solo per portare ad ebollizione liquidi, in quanto si usano pentole chiuse per cuocere alla fiamma in padella è meglio il fornelletto a legna (il famoso wood stove) oppure anche il fornelletto a gas classico da campeggio molto utile in caso di vento e pioggia, in effetti per ogni alcool o wood-gas stove che si costruisce bisognerebbe costruire anche un wind shield cioè uno schermo che permetta al fornello di avere una fiamma uniforme per tutta la sua circonferenza detto questo aggiungo che ho tanta voglia di uscire in kayak ma causa maltempo e poco tempo stò quà a fà i fornelli!!! Sob!!! :dsp :dsp
Avatar utente
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 2731
Iscritto il: 26/08/2012, 21:47
Località: Pescara
Kayak: RTM Disco+ anglesizzato by myself
Strumentazione: Eco: Garmin Echo150
Gps: Garmin 72H
Record: Serra 1,1 Kg Traina col Vivo

Precedente

Chi c’è in linea
Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti